Green Public Procurement - il consumo eco-sostenibile

20 Luglio 2011

Acquistare prodotti o servizi che, dal punto di vista ambientale, siano meno dannosi per la salute pubblica e per l'ambiente, significa fare i propri acquisti in modo responsabile. Significa evitare di favorire prodotti che, sebbene risultino piu' competitivi e accattivanti, non hanno scelto un codice etico che metta l'eco-compatibilita' al primo posto. Tra le caratteristiche dei prodotti e servizi eco-sostenibili abbiamo: 1. maggiore efficienza energetica e in generale più economici nel loro funzionamento. 2. meno inquinanti rispetto ad altri prodotti che servono allo stesso scopo. 3. durevoli, facilmente riparabili e aggiornabili. 4. riutilizzabili nei mercati degli oggetti di seconda mano e fabbricati in materiali il piu' possibile adatti al riciclo, quando tali oggetti arriveranno alla fine del ciclo vitale.

Gli enti pubblici e le autonomie locali hanno un notevole potere d'acquisto, quindi possono fungere da catalizzatori per lo sviluppo di tecnologie e prodotti rispettosi dell'ambiente, dando il buon esempio ai cittadini. Tale tendenza economica e' conosciuta come Green Public Procurement e va incoraggiato evitando l'acquisto di materiali che, alla fine del loro ciclo vitale, si trasformino in sostanze inquinanti. Ad esempio, bisognerebbe evitare il piu' possibile gli imballaggi, acquistando prodotti a dose e riutilizzando i relativi contenitori. O ancora, la raccolta e il trattamento delle batterie esauste potrebbero essere evitati con l'acquisto di batterie ricaricabili. L'acquisto di musica e film on-line, salvata poi sugli stick usb eviterebbe l'inutile accumulo di montagne cd e dvd che, sebbene piu' resistenti dei precedenti dischi di vinile o dei nastri magnetici, andranno ad un certo punto smaltiti, producendo inevitabilmente enormi quantita' di diossina (+ vedi nota FRD). Il costo per la salute pubblica, derivante dall'aumento di malattie causate da eccessivo inquinamento, puo' essere contenuto attarverso il miglioramento e il mantenimento di un tenore di vita sano, a contatto con la natura e che favorisca le attivita' sportive. Gli edifici poi dovrebbero essere proggettati in modo da ridurre i costi del consumo energetico, visto che le risorse naturali non sono affatto inesauribili e vanno preservate per le generazioni future. In tal senso si e' espressa anche la Commissione Europea, invitando gli Stati membri a elaborare piani d'azione per rendere più eco-sostenibili degli appalti pubblici. Ma anche ognuno di noi puo' dare il proprio eco-contributo. No, non stiamo parlando di un'altra tassa da pagare!!! Sono i consumatori che orientano il mercato. E' la solita vecchia legge della domanda e dell'offerta. Cominciamo a pretendere prodotti e servizi eco-sostenibili. Rinunciamo all'acquisto di quei prodotti che non intendono rispettare questo codice etico e il mondo sara' piu' pulito.
Fonte: Ministry of Agriculture, Natural Resources and Environment of Cyprus - Υπουργείο Γεωργίας, Φυσικών Πόρων και Περιβάλλοντος (http://www.moa.gov.cy).
Putroppo, del testo qui riportato già non c'è più traccia... I certosini stavolta hanno battuto la fiacca e sono arrivati tardi!
In poco tempo il sito MoA si è arricchito di molti nuovi contenuti sull'ambiente, ma ha cancellato il testo sul Green-procurement o l'ha spostato.

Nota FRD: Esiste poi qualcosa di tecnologicamente avanzato, che è a meta' strada tra l'acquisto e il noleggio tradizionali, e che non richiede piu' il possesso fisico di alcun supporto sul quale 'salvare' cio' che c'interessa: richiede solo che l'oggetto misterioso xyz sia collegato ad Internet. Non stiamo qui a dirvi come si chiama, perche' non ci piace fare della pubblicita', neanche quando un prodotto sarebbe meritevole persino di un 'oscar' per la eco-compatibilita'... Pero' vi diciamo che esiste, ad onor del vero.

keywords: acqua, agricoltura, amianto, ambiente, ambientale, aria, abusivismo edilizio, aree protette, autorità ambientali, autorità di bacino, bicicletta, biogas, biomasse, Bruxelles, cambiamenti climatici, carbon tax, carta della natura, co2, consorzio degli olii usati, curitiba, ozono, disserbanti, difesa del territorio, diritto ambientale, desertificazione, domeniche ecologiche, ecologia, eco-sostenibile, eco-compatibile, eco-lex, educazione, effetto serra, efficienza energetica, elettrosmog, elettromagnetico, energie rinnovabili, energia eolica, energia solare, energia termica, ePub, formazione, fondi strutturali, geotermia, geomatica, geografia, geografia, green-economy, idroelettrico, inquinamento, Kyoto, manifesto programmatico, Ministero Ambiente, mercurio, muffa, olio, pannelli fotovoltaici, parchi, pioggie acide, protocollo, piombo, pesticidi, pericolosità, rifiuti, radon, riciclaggio, regioni, sistri, sviluppo, sostenibile, salvaguardia, sostenibilita, tossicita, tutela ambientale, Unione Europea, valutazione impatto ambientale, valutazione del rischio idrogeologico